Bollettino telematico di filosofia politica
Il labirinto della cattedrale di Chartres
bfp
Articoli Riviste | Recensioni | Bibliografie | Lezioni | Notizie | Collegamenti
Home > Recensioni > Archivio
Ultimo aggiornamento 29 ottobre 2000

Elena Cuomo, Simbolica speculativa nella filosofia politica di Franz Baader, Napoli, Giannini, 1996

L'uscita della monografia di Elena Cuomo sul filosofo romantico Franz Xaver von Baader (1765-1841) segnala un risveglio della critica italiana, che nei confronti di tale autore era rimasta quasi indifferente. Infatti, a parte i lavori di Lidia Procesi Xella e di Carla di Pascale, Baader rimane un autore quasi sconosciuto al pubblico italiano specializzato e non, mentre all'estero esso da lungo tempo viene commentato e studiato. Basti qui citare i lavori di Peter Koslowki in Francia, quelli di J. G. Blackburn, in ambiente anglosassone e la ricca ricezione tedesca, da W. Lambert a E. Klamroth, da L. Löwenthal a H. Grassl. Il filosofo bavarese, conosciuto per la sua erotica del divenire, è in questo momento una figura particolarmente attuale, per la sua complessità e per la sua originalità. La sua ricerca si situa all'incrocio di varie forme del sapere: la filosofia, la teologia, la teosofia, l'alchimia e la filosofia politica. Tale eclettismo non appesantisce la sua opera, che risulta articolata e chiaramente orientata a creare i presupposti per l'armonizzazione della fede e della ragione, della religione e della filosofia. Referente negativo di Baader è, da questo punto di vista, Kant, il quale, attraverso la fondazione della sua filosofia sul soggetto, aveva sottovalutato e minato il legame fondamentale fra l'individuo, Dio e la comunità. Contro Kant, Baader sviluppa la sua analisi sul rapporto inscindibile fra autorità e libertà, perché "amare è servire e solo servendo si è liberi". Il metodo attraverso cui Baader elabora questa fondamentale critica al paradigma illuminista, è la dogmatica speculativa, che integra il paradigma speculativo filosofico con quello analogico. Il libro di Elena Cuomo ripercorre tutta l'opera dell'originale filosofo, con attenzione alle sue fonti, alle interpretazioni, e alla sua "attualità" per la filosofia contemporanea, che può ritrovare, nell'opera di Baader, le radici di un pensiero diverso, ma non opposto, a quello illuminista.

Patricia Chiantera


Come contattarci Come collaborare | Ricerche locali
Il Bollettino telematico di filosofia politica è ospitato presso il Dipartimento di Scienze della politica della Facoltà di Scienze politiche dell'università di Pisa, e in mirror presso www.philosophica.org/bfp/

A cura di:
Brunella Casalini
Emanuela Ceva
Dino Costantini
Nico De Federicis
Corrado Del Bo'
Francesca Di Donato
Angelo Marocco
Maria Chiara Pievatolo

Progetto web
di Maria Chiara Pievatolo


Periodico elettronico
codice ISSN 1591-4305
Inizio pubblicazione on line:
2000

Il settore "Recensioni" è curato da Nico De Federicis, Roberto Gatti, Barbara Henry, Maria Chiara Pievatolo.