Bollettino telematico di filosofia politica
Il labirinto della cattedrale di Chartres
bfp
Articoli Riviste | Recensioni | Bibliografie | Lezioni | Notizie | Collegamenti
Home > Recensioni > Archivio
Ultimo aggiornamento 29 ottobre 2000

Clifford Geertz, Mondo globale, mondi locali. Cultura e politica alla fine del ventesimo secolo, tr. it., Bologna, il Mulino, 1999.

Questo libro è sostenuto da una vigorosa intuizione, caratteristica di un antropologo "culturale" qual è l'autore. L'intuizione è la seguente: concetti come quelli di "Stato", "società", "paese" , "popolo" e soprattutto "nazione", mutuati dall'esperienza occidentale e che si pensava che i popoli del "terzo mondo" avrebbero dovuto adottare dopo la fine della colonizzazione, si sono rivelati radicalmente inadeguati - a partire dalla fine degli anni 70 e soprattutto dopo la caduta del Muro, che ha definiti vamente privato l'Occidente di un "centro"- a comprendere le società non occidentali contemporanee, dove alcuni di essi, soprattutto quello di "nazione", non hanno neppure un equivalente nelle lingue locali. Si è assistito invece ovunque ad una vigorosa ripresa e rinascita della cultura e delle tradizioni precoloniali.
Ne consegue -secondo l'autore- che ci troviamo di fronte ad un mondo in "frammenti", "screziato", sempre più formato da "schegge" anziché da vigorosi blocchi "nazionali" sul modello delle nazioni occidentali ottocentesche. Così abbiamo paesi -secondo l'autore- come l'Indonesia o il Marocco che non sono "nazioni". Abbiamo "culture" che non sono neppure esse totalità omogenee e armoniche o prive di fratture, come immaginava la vecchia antropologia, ovvero sono frutto di un "consenso" frastagliato e instabile.
Come meravigliarsi allora -secondo l'autore- se non si adotta la prospettiva "astratta" e "generalizzante" di scienze sociali quali la sociologia o l'economia, che in questo mondo frammentato e instabile - pieno della rinascita di culture precoloniali ed estranee alla tradizione occidentale- riemerga irresistibile il conflitto etnico ? Dalle vicende tragiche della ex Jugoslavia a quelle non meno tragiche che hanno coinvolto Tutsi e Hutu in Africa, a quelle non altrettanto drammatiche ma non meno significative del Quebec in Canada o al contrasto fra singalesi e Tamil nello Sri Lanka, per non parlare del conflitto tra Pakistan musulmano e India induista nel sud dell'Asia, ecc.
Ugualmente non c'è da stupirsi secondo l'autore, ma bisogna accettare il fatto come una specie di dato ineluttabile, se il mondo contemporaneo vede accompagnarsi al risorgere del conflitto su basi etniche, anche quello su basi religiose. Siamo di fronte insomma al risorgere prepotente di uno spirito religioso tradizionale, al posto di una sempre maggiore penetrazione di uno spirito "laico" di matrice occidentale.
Malgrado le molte, intelligenti e incontrovertibili affermazioni di cui è costellato questo libro, la sua lettura non può non lasciare però una qualche insoddisfazione. L'autore non sembra infatti dare il giusto rilievo al fatto che, in virtù del fenomeno contemporaneo della "globalizzazione", neppure in Occidente esiste più in realtà una accezione di "nazione" e neppure di "cultura" (basti pensare al fenomeno degli immigrati extracomunitari nell'Europa occidentale) compatta e monolitica. Così come per contro egli non si sofferma sulla rinnovata influenza, sempre in virtù dell' accennato fenomeno della "globalizzazione", che l'Occidente continua ad esercitare sul mondo non occidentale. Influenza politica, economica, sociale, ecc., che però si esercita in forme completamente diverse non solo ovviamente da quelle dell'età coloniale ma anche da quelle del dopoguerra o dell'intera epoca della decolonizzazione.
E' proprio questo rinnovato intreccio, pur in un mondo profondamente frammentato e diviso, l'aspetto più interessante su cui invece occorreva forse maggiormente soffermarsi e indagare.
Antonio De Gennaro

Come contattarci Come collaborare | Ricerche locali
Il Bollettino telematico di filosofia politica è ospitato presso il Dipartimento di Scienze della politica della Facoltà di Scienze politiche dell'università di Pisa, e in mirror presso www.philosophica.org/bfp/

A cura di:
Brunella Casalini
Emanuela Ceva
Dino Costantini
Nico De Federicis
Corrado Del Bo'
Francesca Di Donato
Angelo Marocco
Maria Chiara Pievatolo

Progetto web
di Maria Chiara Pievatolo


Periodico elettronico
codice ISSN 1591-4305
Inizio pubblicazione on line:
2000

Il settore "Recensioni" curato da Nico De Federicis, Roberto Gatti, Barbara Henry, Maria Chiara Pievatolo.