Bollettino telematico di filosofia politica
Il labirinto della cattedrale di Chartres
bfp
Articoli | Riviste | Recensioni | Bibliografie | Lezioni | Notizie | Collegamenti
Home > Recensioni > Archivio
Ultimo aggiornamento 13 settembre 2001

Anthony D. Smith, Nazioni e nazionalismo nell'era globale, Asterios, 2000 (Nations and nationalism in a global era, 1995)


ISIDORO Via, disème come la xe stada.
FORTUNATO L'ha a saere, che ancuò so egnù da mare, e so rivao a Igo co a tatana; e xe egnuo mia muggiere, e a cugnà Ossetta, e a cugnà Checca.
ISIDORO Se non parlè più schietto, mi no ve capisso.
FORTUNATO Sio' sì, sio'. Andando a ca co mia muggiere, e co mia cugnà, ho isto parò Toni, ho isto, e bara Beppe ho isto, e Titta Nane Moetto, e Toffolo Maottina; e parò Toni tiffe, a spada; e Beppe alda, alda, o ottello; e Maottina tuffe, tuffe, pierae. E' egnuo Titta Nane, è egnuo Titta Nane. Lago, lago co paosso, lago. Tia, mola, baacca. Maottina è caccao, e mi no so altro. M'ala capio?
ISIDORO Gnanca una parola.
FORTUNATO Mi pao chiozzotto, utissimo. De che paese xela, utissimo?
ISIDORO Mi so venezian; ma no ve capisso una maledetta.
Carlo Goldoni, Le Baruffe Chiozzotte, Atto II, scena XV


L'idea cardine del libro di Smith - docente di Sociologia presso la prestigiosa London School of Economics - è che la sempre più completa e complessa interdipendenza del sistema mondo abbia stuzzicato in molti palati un desiderio di cosmopolitismo che è stato troppo ingenuamente scambiato con la realtà, finendo per ritenere la nazione un concetto in via d'estinzione. Smith apre mettendo in guardia da quest'errore. E' certo che la cosiddetta globalizzazione ci pone di fronte ad un mondo "sempre più piccolo ed integrato" nel quale i legami tra società ed economia si fanno sempre più stretti, avviluppando gli stati e le nazioni in una "ragnatela di organizzazioni e ordinamenti internazionali" che sono capaci di determinarne i destini. Ma ciò non toglie che negli ultimi anni si sia potuto assistere ad una vera e propria rinascita dei nazionalismi di fronte alla quale le risposte teoriche sono state diverse e - nel complesso - insufficienti.

Tre tesi rispetto al futuro dei nazionalismi vengono passate in rassegna dall'autore:
  • quella "globalista"- per la quale i nazionalismi non sono che relitti di un epoca definitivamente tramontata, dei quali i grandi mutamenti della storia ci libereranno in tempi brevi; in quest'ottica gli odierni nazionalismi non sarebbero che temporanee aberrazioni destinate a scomparire di fronte alla pressante necessità dettata dalla divisione internazionale del lavoro, dalla globalizzazione dell'informazione, dall'emergere di nuove strutture di regolazione politica sovranazionali, ecc.
  • quella "modernista" - per la quale le nazioni sono "inevitabili prodotti della modernità", o meglio riflesso obbligato della modernizzazione atomizzante, "necessari strumenti di controllo degli effetti distruttivi" della modernizzazione, soli surrogati del primitivo comunitarismo in grado di legittimare l'attività degli stati; secondo questa interpretazione è improbabile che i nazionalismi spariscano "almeno finchè tutte le aree del globo non avranno compiuto la dolorosa transizione verso una modernità stabile e ricca, sul modello occidentale" (p. 22).
  • quella "perennista" - per la quale nazioni e nazionalismi sono entità perenni, primordiali, metafisiche; non sono prodotti storici, ma costituiscono la struttura della storia stessa, ne determinano le linee di sviluppo, ne sanno - essi soli - indicare il senso e il significato.
Dopo alcune prudenti esitazioni appare chiaro che la tesi perennista è quella che l'autore predilige: "Qualsiasi tentativo di comprendere l'inclinazione postmoderna dell'eclettico globalismo trascendente e del nuovo localismo deve quindi rapportarli non semplicemente ai processi di modernizzazione, ma anche alle più remote identità ed eredità premoderne, che continuano a costituire le fondamenta di molte nazioni attuali" (p. 62). Globalisti e modernisti, con la loro riduzione del fenomeno nazionalista a manifestazione cultural-folcloristica si impediscono ogni sua comprensione. Hobsbawn, che tenta di stabilire una distanza tra i nazionalismi di fine 900 e quelli ottocenteschi è sottoposto ad una critica serrata, che si basa per intero sull'obiezione pratica: eppure fioriscono.

Per Smith, l'era della globalizzazione, estrema appendice della modernità, non ha portato con sè la neutralizzazione dei conflitti etnici, nè tantomeno ha condannato a morte l'idea di nazione. Si nota al contrario una tendenza, parallela alla creazione di quel piano di interdipendenza globale cui prima si accenava, al riemergere di forme di particolarismo identitario di cui, a parere dell'autore, l'idea di nazione continua ad essere il miglior collante. Questo processo non rappresenterebbe che il corrispettivo dialettico dell'emergenza di quel piano monotono ed uniforme in cui consisterebbe il cosmopolitismo. Il gigantismo globale stimolerebbe il formarsi dei necessari "anticorpi" identitari e particolari capaci di preservare dall'aggressione cosmopolitica gli "insostituibili valori culturali" delle nazioni e "i simboli , i riti, gli ideali e le tradizioni peculiari di coloro che le avevano forgiate e vi erano appartenuti" (p. 39). La citazione weberiana è quantomai appropriata: per Smith come per Weber la vita delle nazioni è interminabile lotta per l'affermazione della propria Kultur, per trionfare nella quale è necessario risvegliare quei legami primordiali che compongono l'anima delle nazioni e senza i quali nessuna lotta è possibile. Priva del sangue conferito ad esso dalla Kultur, lo Stato - sia esso nazionale o sovranazionale - si svuota di senso, scoprendosi un guscio vuoto, un mero strumento privo della capacità di darsi da sè una direzione.

Il tema dell'unificazione europea dà a Smith il destro per applicare la propria analisi. L'Europa non è una nazione, e dunque non possiede alcun futuro, giacchè la storia - ogni storia - è mossa dalle nazioni e alle nazioni - ossia alla loro supremazia nella lotta per l'affermazione delle rispettive culture - tende. Scrive Smith: "Senza memorie e significati condivisi, senza simboli e miti comuni, senza santuari, cerimonie e monumenti - a parte gli amari promemoria delle guerre e degli olocausti recenti - chi si sentirà europeo nel profondo del suo essere, e chi si sacrificherà di sua volontà per un ideale così astratto? In breve, chi morirà per l'Europa?" (p. 148).

La domanda che vorremmo porre a Smith è la seguente: sino a che punto si deve spingere la regressione etnonazionalista? se il nazionalismo non deve essere identificato con lo stato che ne è solo il necessario strumento, quale sarà il livello al quale la descrizione si dovrà arrestare? dove si appoggerà il mito di cui la coscienza nazionale si compone? come si stabilirà la presenza di un'identità, scartando l'ipotesi che essa non inglobi fagocitandole preziose diversità storico culturali? si fermerà alle nazioni? o scoprirà di doversi spingere più a fondo? Per Dante, ci ricorda Chabod (cfr. F. Chabod, Storia dell'idea di nazione, Laterza, 1999), la nazione era ancora la "piccola nazione" fiorentina e lo stesso Weber conosceva bene le difficoltà nascoste nel tentativo di identificare la nazione in una qualsivoglia identità, fosse essa etnica, linguistica, territoriale, religiosa o culturale in genere (tanto che la nazione stessa era per Weber il frutto di una volontà, di una decisione, di una ri-soluzione).

Ma queste domande non colgono forse nel segno. L'impressione è di trovarci qui di fronte ad una riproposizione del discorso weberiano sul demone come attributo necessario del politico. Se la nazione è il punto metafisico dal quale si origina e verso il quale si indirizza la volontà degli stati, allora non ha alcuna importanza su quale livello si appoggi l'analisi. Ben più decisivo è che la salvifica volontà erompa: la nazione per Smith non è - in ultima istanza - null'altro che questo erompere.


Links sull'autore
Alcuni riferimenti in rete

Come contattarci | Come collaborare | Ricerche locali
Il Bollettino telematico di filosofia politica è ospitato presso il Dipartimento di Scienze della politica della Facoltà di Scienze politiche dell'università di Pisa, e in mirror presso www.philosophica.org/bfp/

A cura di:
Brunella Casalini
Emanuela Ceva
Dino Costantini
Nico De Federicis
Corrado Del Bo'
Francesca Di Donato
Angelo Marocco
Maria Chiara Pievatolo

Progetto web
di Maria Chiara Pievatolo


Periodico elettronico
codice ISSN 1591-4305
Inizio pubblicazione on line:
2000

Il settore "Recensioni" è curato da Brunella Casalini, Nico De Federicis, Roberto Gatti, Barbara Henry, Angelo Marocco, Gianluigi Palombella, Maria Chiara Pievatolo.