Bollettino telematico di filosofia politica
Il labirinto della cattedrale di Chartres
bfp
Articoli | Riviste | Recensioni | Bibliografie | Lezioni | Notizie | Collegamenti
Home > Recensioni > Archivio
Ultimo aggiornamento 29 ottobre 2000

F.D. Toussaint Louverture, La libertà del popolo nero. Scritti politici, Torino, La Rosa, 1997.

Scelta editoriale particolarmente felice, quella operata da Carlo Galli, nella sua veste di direttore della collana "Libertà nella Storia". La pubblicazione degli scritti politici di François Dominique Toussaint Louverture, protagonista degli avvenimenti rivoluzionari a Santo Domingo dal 1792 al 1802, illustra infatti, significativamente, il principio cardine della collana stessa, quello secondo cui cioè - cito seguendone l'efficace presentazione editoriale - "la libertà è nella storia; se non la governa, tuttavia la può mobilitare; se non ne è il senso ne può nondimeno innervare ritmi e cesure".
A Sandro Chignola, autore della esauriente (una segnalazione particolare merita la completa bibliografia) e suggestiva introduzione, va riconosciuto il merito di essere riuscito a guidare il lettore nella non facile lettura del primo esperimento costituzionale di una Repubblica autonomamente organizzata e governata da cittadini di colore.
Saint Domingue, come si chiamava allora l'attuale Haiti, sul fianco occidentale dell'isola di Hispaniola, ceduta nel 1697 con il Trattato di Ryswick dalla Spagna alla Francia, rappresentava per essa la colonia più redditizia, in quanto costituiva più della metà del suo mercato coloniale. Zucchero, cotone, tabacco, indaco e schiavi. Un giro d'affari assolutamente rimarchevole: duecento milioni di franchi tornesi, destinati a salire a circa cinquecento, ove si voglia considerare l'intero commercio estero francese lungo la direttrice delle Antille. Un sistema economico fondato, sorretto e consentito dalla presenza e dal conseguente sfruttamento di oltre cinquecentomila schiavi, cui era stato forzatamente assegnato dalla stessa Encyclopédie un ruolo di "organes vivans et animés de l'économique", ma senza alcuna vivacità politica, in grado cioè di esprimere solo "una soggettività remissiva e muta", un "nulla politico". Schiavi, quindi, solo ed esclusivamente (ovverosia immutabilmente) schiavi. In realtà bastava considerare la nutrita serie di episodi di rivolta e di cospirazione, che , solo a Santo Domingo, si erano succeduti nel 1679, 1691, 1703, 1704, 1758, 1775 e 1778 (ma episodi di eguale gravità erano stati registrati in tutte le Antille), per intuire l'approssimarsi della tempesta. E tempesta fu.
Nel solco delle rare voci che nel corso della seconda metà del sec. XVIII avevano aperto la "lunga stagione di dibattiti e di critica della schiavitù", gli avvenimenti rivoluzionari in Francia fecero ben presto precipitare la situazione. Dapprima quasi indifferenti al "beau délire", gli schiavi neri dettero vita alla "loro" rivoluzione: una gigantesca rivolta, che a partire dall'agosto 1791 infiammò l'intera isola e il cui vero salto di qualità fu rappresentato dal successivo, esplicito impegno, assunto dai Commissari inviati da Parigi, dinanzi alla Assemblea dei coloni bianchi, proprietari di piantagioni, che la Dichiarazione dei diritti non sarebbe mai stata estesa al popolo degli schiavi. E mentre Inghilterra e Spagna, nei primi mesi del 1793, entravano in guerra contro la Convenzione, promettendo libertà ai neri, che avessero combattuto al loro fianco, ecco apparire sulla scena François Dominique Toussaint Louverture, "The Black Napoleon", ma io preferirei chiamarlo "the most unhappy man of men", come lo definiva William Wordsworth, strana e tragica figura di ribelle. Nero, ex-schiavo, simbolo duraturo della lotta per l'emancipazione. Attraverso i suoi scritti, che qui vengono presentati nella loro prima edizione moderna, è quindi possibile ripercorrere l'accavallarsi frenetico degli avvenimenti, che lo videro comunque sempre protagonista, almeno fino al suo arresto e alla sua deportazione in Francia, nel giugno 1802.
Vittima del proprio amore per la libertà e nel rispetto assoluto dell'interesse generale (liberté-devoir), Louverture perseguì con coerenza l'obiettivo di assicurare piena dignità ai "cittadini" neri attraverso una non facile politica di pacificazione tra le razze. Questa in estrema sintesi la chiave di lettura della sua biografia politica: dall'acceso contrasto con il commissario giacobino, bianco e francese, Léger-Félicité Sonthomax, cui pure l'aveva legato sincera amicizia (fino al momento in cui gli aveva confidato il progetto di scannare tutti gli europei), attraverso la vivace opposizione alle dichiarazioni dello schiavista Vienot Vaublanc, cui obietterà nel sacro nome della fraternité che i francesi neri di Santo Domingo avrebbero preferito essere sepolti sotto le rovine del loro Paese, piuttosto di veder rivivere la schiavitù, fino allo scontro finale con Napoleone.
L'accanimento del Primo Console nei confronti di Louverture e delle sue ipotesi di semindipendenza venne inizialmente motivato dal progetto politico di restaurare ed estendere il dominio coloniale francese nell'ambito caraibico, soprattutto dopo la restituzione alla Francia della Lousiana da parte della Spagna (1 ottobre 1800). Ma ben presto fu lo stesso Napoleone a svelare il vero, profondo motivo dell'opposizione al potere nero a Santo Domingo: si trattava della necessità, ideologica ancor più che economica, di arrestare per sempre l'avanzata dei neri nel mondo, ricordando loro che i maestri erano "blancs et français" e ristabilendo ovunque la tratta e, dove possibile, addirittura la schiavitù.
Dopo l'arresto Toussaint Louverture venne condotto in carcere nel castello di Joux, nel Jura francese. Là, dopo pochi mesi, affollati di stenti e di privazioni (la sua "diversità" biologica venne richiamata a giustificazione del fatto di avergli negato le cure mediche), nell'aprile 1803 venne infine trovato morto nella sua cella. Morte crudele e soprattutto inutile: ormai il popolo immenso degli schiavi aveva definitivamente "appreso, imposto e imparato a difendere, il colore della libertà".


Maurizio Vernassa


Come contattarci | Come collaborare | Ricerche locali
Il Bollettino telematico di filosofia politica è ospitato presso il Dipartimento di Scienze della politica della Facoltà di Scienze politiche dell'università di Pisa, e in mirror presso www.philosophica.org/bfp/



A cura di:
Brunella Casalini
Emanuela Ceva
Dino Costantini
Nico De Federicis
Corrado Del Bo'
Francesca Di Donato
Angelo Marocco
Maria Chiara Pievatolo

Progetto web
di Maria Chiara Pievatolo


Periodico elettronico
codice ISSN 1591-4305
Inizio pubblicazione on line:
2000


Il settore "Recensioni" Ŕ curato da Nico De Federicis, Roberto Gatti, Barbara Henry, Maria Chiara Pievatolo.