Bollettino telematico di filosofia politica
Il labirinto della cattedrale di Chartres
bfp
Articoli | Riviste | Recensioni | Bibliografie | Lezioni | Notizie | Collegamenti
Home > Riviste
Ultimo aggiornamento 24 giugno 2002
Sapientia
Sapientia


La rivista non è presente sul web. Le schede offerte dal BFP sono di Angelo Marocco.

Ecco le schedature del BFP

56 (2001), 210

Ana Marta González, Las fuentes de la moralidad a la luz de la ética aristotélica de la virtud, pp. 357-377.

Marta L. Hanna, La doctrina de la equidad en Aristóteles, pp. 379-396.

Muovendo dalla lettura dell'Etica Nicomachea, l'articolo prende in esame il pensiero di Aristotele intorno alla dottrina dell'equità, intesa come forma particolare della giustizia legale. Seguendo il metodo aristotelico, l'autrice dapprima esamina i significati della parola epieíkeia. In seguito, tenta di collocare tale dottrina nel contesto nel quale questa viene pensata da Aristotele. Infine, viene presa in considerazione la definizione di equità "come giustizia del caso concreto". (A.M.)

María L. Lukac de Stier, Hobbes y el medioevo: El problema de Dios, pp. 435-444.

La posizione di Hobbes rispetto al problema di Dio è oggetto di continuo dibattito. I suoi scritti determinarono interpretazioni diverse. Strauss e Polin lo considerano ateo; Popkin, uno scettico moderno; Costantin lo considera agnostico; McNeilly, un deista; Geach, una sorta di sociniano; Taylor e Warrender considerano il teismo di Hobbes non solo autentico, ma anche essenziale per la comprensione della sua opera politica. Anche secondo Oakeshott e Pocock, Hobbes sarebbe un fideista. (A.M.)

Juan Carlos Pablo Ballesteros, Filosofía, educación y tradición en Alasdair MacIntyre, pp. 493-515.

La proposta di McIntyre non è anacronistica. Sebbene il suo modello di comunità sia la pólis aristotelica, McIntyre è perfettamente consapevole che questa sia irrealizzabile nelle condizioni delle società contemporanee avanzate. Occorre però sottolineare come la tradizione aristotelico-tomista rechi con sé verità atemporali, feconde nel passato e che possono tornare a esserlo nel presente se siamo capaci di vincolarle alle attuali circostanze storiche. (A.M.)

William E. Murphy Jn., Martin Rhonheimer's Natural Law and Practical Reason, pp. 517-548.

Carlos I. Massini Correas, Liberalismo, comunitarismo, realismo: En busca de la tercera vía, pp. 549-564.

A partire dagli anni Ottanta il liberalismo è la filosofia politica predominante in Occidente. Tutti quei modelli filosofici che si annunciano come non-liberali, si costituiscono quasi sempre in opposizione dialettica con il liberalismo. Date le limitazioni e difficoltà mostrate dalle più importanti proposte contemporanee di filosofia pratica, risulta quasi obbligatoria la ricerca di una terza via. L'invito di Massini Correas è quello di guardare con attenzione al pensiero di Antonio Millán-Puelles, uno tra i massimi esponenti del pensiero realista classico spagnolo. Secondo Millán-Puelles, è necessario oggi recuperare la nozione di natura, affinché questa si imponga come l'unico fondamento saldo e innegabile tanto di una concezione del soggetto morale, quanto di una dottrina della giustizia. (A.M.)

Ricardo F. Crespo, Nota sobre economía y política en Aristóteles, pp. 691-698.

Il tema dell'economia in Aristotele ha avuto indubbiamente poca attenzione. La maggioranza degli studiosi di storia dell'economia considerano la concezione aristotelica sostanzialmente primitiva. In effetti, l'economia di Aristotele non corrisponde in alcun modo a quello che oggi designiamo con tale termine. Questo però non significa che nel suo pensiero si trovino sviluppi vicini alla realtà economica in senso contemporaneo. (A.M.)

Carlos I. Massini Correas, Georges Kalinowski (1916-2000), pp. 708-712.



Come collaborare | Ricerche locali
Il Bollettino telematico di filosofia politica è ospitato presso il Dipartimento di Scienze della politica della Facoltà di Scienze politiche dell'università di Pisa, e in mirror presso www.philosophica.org/bfp/

A cura di:
Brunella Casalini
Emanuela Ceva
Dino Costantini
Nico De Federicis
Corrado Del Bo'
Francesca Di Donato
Angelo Marocco
Maria Chiara Pievatolo

Progetto web
di Maria Chiara Pievatolo


Periodico elettronico
codice ISSN 1591-4305
Inizio pubblicazione on line:
2000

Il settore "Riviste" curato da Brunella Casalini, Emanuela Ceva, Corrado Del Bo' e Francesca Di Donato.
Chi volesse segnalare riviste non incluse nell'elenco o siti web di riviste già segnalate può scrivere a Corrado Del Bo'.