Bollettino telematico di filosofia politica
Il labirinto della cattedrale di Chartres
bfp
Articoli | Riviste | Recensioni | Bibliografie | Lezioni | Notizie | Collegamenti
Home > Articoli e note
Ultimo aggiornamento giugno 2001

La filosofia è donna?
Pensiero femminista e pensiero femminile
di
Francesca Di Donato

le storie della femminilità
il ricorso alla natura: sesso e riproduzione
il ricorso ai valori: riproduzione e cura
la filosofia è donna?


Le storie della femminilità
Le donne sono emarginate dalla sfera pubblica: la presenza e la visibilità di esse nel diritto e nella cultura restano limitate, nonostante le rivendicazioni femministe abbiano mostrato con chiarezza, a partire da almeno due secoli, in che misura il problema influisca tanto sulle condizioni di vita delle donne quanto sull'organizzazione e la struttura della sfera pubblica stessa.

Il femminismo, per risolvere la questione delle disuguaglianze legate a questa esclusione e riequilibrare la presenza maschile e femminile nelle istituzioni, presenta due proposte assai diverse: il pensiero della differenza rivendica il riconoscimento della differenza sessuale come fatto che caratterizza essenzialmente le persone, e dunque richiede sul piano dei diritti, diritti sessuati, e, sul piano della cultura, la necessità per le donne di rafforzare gli strumenti propri della femminilità; il femminismo dell'uguaglianza sostiene, di contro, che chiedere di essere riconosciute come soggetti del diritto e della cultura in quanto donne è controproducente, e che non si tratta tanto di rivendicare visibilità per problemi intesi come tipici delle donne, quanto di mostrare in che misura questi problemi riguardino tanto le donne quanto gli uomini.
Così, pur partendo da un elemento comune e universalmente riconosciuto, l'emarginazione delle donne dalla sfera pubblica, sul piano politico il femminismo si trova diviso.

Per comprendere le implicazioni delle diverse proposte, è necessario soffermarsi sulla lettura che la filosofia femminista dà delle storie della femminilità, vale a dire sul modo in cui questa esclusione viene motivata e argomentata nel pensiero filosofico e politico. Nel tentare di fare ciò, prenderò in esame1 le interpretazioni di due argomenti centrali delle storie della femminilità: il nesso tra l'essere donna e la capacità di procreare e quello, che da questo segue, tra femminilità e funzione materna.



prosegui: il ricorso alla natura

1 In queste pagine farò riferimento, in particolare, a due testi che esprimono il pensiero delle due scuole femministe: il primo è I filosofi e le donne (2001) di Wanda Tommasi, il secondo Women in Western Political Thought (1978-1992) di Susan Moller Okin. Per i riferimenti bibliografici completi di tutti i testi citati si veda la mia La teoria femminista, una bibliografia.





Come contattarci | Come collaborare | Ricerche locali
Il Bollettino telematico di filosofia politica è ospitato presso il Dipartimento di Scienze della politica della Facoltà di Scienze politiche dell'università di Pisa, e in mirror presso www.philosophica.org/bfp/

A cura di:
Brunella Casalini
Emanuela Ceva
Dino Costantini
Nico De Federicis
Corrado Del Bo'
Francesca Di Donato
Angelo Marocco
Maria Chiara Pievatolo

Progetto web
di Maria Chiara Pievatolo


Periodico elettronico
codice ISSN 1591-4305
Inizio pubblicazione on line:
2000

Per contribuire, si vedano le istruzioni per gli autori.